Archivi categoria: Consigli

Consigli casse per pc come scegliere

casse per pc come scegliere

A volte ci troviamo a dover scegliere dei prodotti per la nostra casa o per il nostro posto di lavoro e non sempre sappiamo su cosa orientare la nostra scelta. Può essere questo il caso delle casse per pc. Come sceglierle? Quali parametri vanno valutati e tenuti in considerazione per fare un buon acquisto? Ecco una piccola guida che potrà aiutarvi in questa scelta.

Prima di tutto dobbiamo capire di quante casse abbiamo bisogno. Il numero minimo è due e può salire anche notevolmente, in base a quelle che sono le nostre esigenze. Alcune di queste comprendono all’interno del loro sistema anche il subwoofer, una cassa di dimensioni considerevoli che ha il compito di gestire i suoni bassi. Se amate vedere film davanti al pc, ascoltare musica o vi piace giocare, questo sistema non dovrebbe mancare nel vostro impianto in quanto vi consentirà di sentire in modo molto più preciso e realistico i diversi suoni. Se, ad esempio, trovate un’indicazione come 5.1 significa che avrete cinque casse più il subwoofer.

Una volta scelto il numero di casse bisogna capire quanta potenza ci occorre. Ovviamente ciò dipende sempre da come vogliamo utilizzare il nostro pc e per quali scopi lo utilizziamo. Sulle schede tecniche delle casse si possono comunque trovare informazioni riguardo ai watt e quindi alla potenza di un determinato gruppo di casse. I watt si dividono in watt massimi e watt rms, ma qual è la differenza? Semplice, i primi sono i picchi massimi che le nostre casse possono raggiungere. Tenete conto che non è auspicabile che una cassa lavori sempre al massimo, in quanto si rovinerebbe così molto in fretta e proprio per questo bisogna tenere in grande considerazione gli rms, che invece rappresentano il valore che tale oggetto riesce a mantenere costante nel tempo.

Un altro parametro da valutare è se optare per casse attive o passive. E’ bene sapere che, nel caso del computer, tendenzialmente si è più portati a scegliere la prima opzione, in quanto, a differenza della seconda, non vi è necessità di acquistare un amplificatore esterno, il che vi permette di risparmiare una certa quantità di denaro oltre che spazio.

Le caratteristiche da prendere in considerazione non sono solo queste. Anche le dimensioni delle casse, sopratutto se vivete in una casa o avete un ufficio di piccole o medie dimensioni, hanno una loro importanza. Se avete intenzione di usare poco i suoni, perché il vostro lavoro non vi porta a farlo o perché non desiderate farne un grande uso durante i vostri passatempi, potrete sicuramente optare per casse meno potenti e ingombranti. Ricordate solo una questione: casse più ingombranti non necessariamente sono più potenti di casse dalla dimensione ridotta. Valutate bene gli ingombri prima di compiere il vostro acquisto.

Quanto spendere poi per le proprie casse? Il costo dipende da diversi fattori, quali il brand, il luogo d’acquisto, la potenza delle casse, il numero di elementi, la complessità del sistema… Informatevi attentamente sui modelli che più sembrano fare al caso vostro, valutate i pro ed i contro di questi in modo da poter fare la scelta migliore e poi cercate una buona offerta. Non esiste una cifra giusta anche se è meglio diffidare di articoli di dubbia provenienza o completamente sconosciuti, perché potrebbero presentare delle fregature.

Per essere sicuri di acquistare un prodotto non guasto, controllate l’imballaggio del prodotto e le casse al suo interno e provatele. Tenete lo scontrino o comunque la ricevuta fino a che non siete certi che le casse fanno bene il loro lavoro.

Quindi, ricapitolando, come scegliere un buon prodotto? Prima di tutto valutate con attenzione le vostre necessità e l’uso che dovete fare delle casse: più avete intenzione di utilizzare questi oggetti, più dovranno essere dei prodotti di qualità, per durare nel tempo. Tenete anche conto degli scopi per cui acquistate delle casse: più alte saranno le performance più avrete bisogno di articoli potenti. Per un utente medio un sistema dotato di subwoofer 2.1 potrebbe essere più che sufficiente anche se, se amate ascoltare musica o guardare film e serie televisive al pc, meglio un 5.1. Fate un’accurata ricerca e state attenti anche al prezzo. Le promozioni in campo tecnologico sono soventi, viste le ricorrenti nuove uscite di prodotti e potrebbe capitarvi di imbattervi in ottimi prodotti ad un costo contenuto.

Consigli come collegare casse per pc alla tv

come collegare casse per pc alla tv

Per fruire di un audio migliore stai cercando come collegare le casse per pc alla tv? In pochi passaggi potrai infatti godere di un impianto audio esterno alla televisione e goderti i tuoi film e programmi televisivi al meglio.

Se l’audio del tuo televisore non ti soddisfa a dovere esistono varie soluzioni per collegare le casse per pc alla tv, senza perdere tempo nella configurazione del televisore.

Innanzitutto il metodo più veloce è trovare il cavo chiamato connettore jack, nelle casse che volete collegare. Questo cavo è uno spinotto connettore elettrico, utilizzato per portare segnali audio in forma analogica da un dispositivo ad un altro in bassa tensione. Solitamente ha una forma cilindrica e può disporre di uno, due, tre o addirittura quattro contatti per un suono molto pulito e di alta qualità.

La differenza del numero di contatti sul jack è ben visibile, sotto forma di incisioni sulla punta del connettore. Nel caso ne vedeste solamente una il jack porterà l’audio in mono, quindi verso un’unica cassa. Se trovate due incisioni il connettore sarà stereo (il più utilizzato), ciò vuol dire che porterà il suono verso due casse bilanciate. Tre o addirittura quattro contatti sono utilizzati soprattutto nell’ambito delle manifestazioni, poiché consentono di connettore i microfoni con un audio impeccabile.

Dopo che vi sarete procurati il connettore jack, disponibile nei negozi di elettronica o negli store online specializzati, dovrete individuare la presa di ingresso del jack sulla vostra televisione. Non spaventatevi, le case di produzione di televisioni e dispositivi elettronici hanno trovato una soluzione per facilitare questa operazione. Infatti l’ingresso del cavo audio è solitamente e universalmente riconoscibile perché di colore verde. Spesso oltre a una corona verde intorno all’entrata dello spinotto, le aziende pongono anche il simbolo delle cuffie, proprio per indicare lo spinotto di entrata di eventuali dispositivi audio.

Fatte queste operazioni preparatorie ora sapete come collegare le casse per pc alla tv. Ora dovrete solamente più alimentare le casse del pc per dare corrente all’impianto. Solitamente le casse per pc hanno una spina di alimentazione elettrica facilmente riconoscibile. Quelle più recenti invece potrebbero essere alimentate da una presa usb, che dovrete collegare o all’ingresso sul vostro televisore altrimenti a un personal computer che dovrete tenere nelle vicinanze. Frequentemente le casse per pc hanno anche una soluzione molto comoda, ovvero sono autoalimentate, ciò vuol dire che dallo spinotto jack che trasporta il segnale audio, passa anche la corrente per alimentare le casse.

La nuova frontiera per collegare le casse per pc alla tv ha raggiunto una nuova dimensione, il collegamento bluetooth. Se il vostro televisore è di ultima generazione sicuramente avrà tra le caratteristiche tecniche anche il collegamento bluetooth. Quest’ultimo è uno standard tecnico utilizzato da molte aziende che permette il collegamento di dispositivi senza l’utilizzo di fili.
Con il collegamento bluetooth è molto comodo collegare casse, telefoni e televisori tra loro poiché scambia informazioni digitali solamente utilizzando le frequenze radio.

Questo fa risparmiare tempo ed elimina fili e cavi per casa, facilitando molto lo spostamento di eventuali casse audio. Acceso l’impianto audio bluetooth vi basterà solamente accoppiarlo tramite la schermata apposita con il vostro televisore e il gioco è fatto. Le casse per essere collegate via bluetooth con la vostra tv devono essere nel raggio di qualche metro dal dispositivo dove volete collegarle, anche se i bluetooth di ultima generazione sono molto potenti e permettono una dislocazione nella stanza che con un cavo connettore jack prima non era possibile.

L’ultima versione di bluetooth presentato è il 5.0 nel 2016, questo standard tecnico, adottato da tutte le aziende che producono dispositivi consente di coprire spazi di grandi dimensioni. Non solo aumenta l’area coperta dal bluetooth ma anche la capacità di trasporto delle informazioni digitali. Un impianto audio per pc di medie dimensioni potrebbe connettere le casse al pc con una velocità media di 4Mbps, oppure in modalità risparmio energetico a 2Mbps, assicurandovi un audio perfetto e coinvolgente, con la qualità di un impianto home cinema.